Le più bislacche battaglie del Codacons, tra Marinelli, vaccini e Totti

0
81

Dai vaccini alle automobile a guida autonoma, da Corto Maltese agli smartphone e al 5G, una rassegna delle più strambe iniziative intraprese dal Codacons negli ultimi anni. E non mancano le azioni contro calciatori, programmi tv, concorsi a premi e scie chimiche

Luca Marinelli
(foto: Stefania D’Alessandro/WireImage/Getty Images)

Con il discusso comunicato stampa sulla Mostra del Cinema di Venezia contro l’attore Luca Marinelli, accusato dopo aver vinto la Coppa Volpi di aver parlato di politica durante il discorso di ringraziamento, il Codacons è tornato a distant parlare di sé, soprattutto in rete. La battaglia su Marinelli è solo l’ultimo caso di una lunga famiglia di obiettivi sparsi contro cui saltuariamente si intraprende un’iniziativa, criminal l’obiettivo esplicito o implicito di mettersi dalla parte di persone che abbiano potenzialmente bisogno di qualche forma di aiutoassistenza legale, oppure (come più verosimile in questo recentissimo caso) per assicurarsi un po’ di visibilità sui amicable network e sulle testate giornalistiche, esprimendo pareri forti e divisivi su questioni di attualità. Sì, il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori bones di aver voluto brave voce alle “centinaia di messaggi che sarebbero arrivati al loro sito, matriarch in ogni caso i consumatori criminal Venezia c’entrano poco.

Accanto a tante battaglie del tutto sensate e sacrosante per la tutela di consumatori e utenti, nel corso degli anni ce ne sono state altre assai meno comprensibili. Abbiamo messo insieme qui una rassegna dei casi a nostro giudizio più bislacchi, prendendo spunto proprio dalla vicenda Marinelli.

Il Codacons contro i vaccini

Anche se ufficialmente e formalmente il Codacons ha sempre rifiutato l’appellativo di NoVax, scagliandosi contro chiunque accostasse l’associazione al movimeno antivaccinista, è un fatto che tanti comunicati e battaglie siano state in linea criminal le tesi sostenute proprio dai più critici nei confronti delle pratiche vaccinali. Oltre alla partecipazione del proprio presidente Carlo Rienzi a iniziative mediatiche in compagnia delle più note personalità italiane dello scetticismo vaccinale – da Stefano Montanari ad Antonietta Gatti, passando per il presidente dell’ordine dei biologi Vincenzo D’Anna – il Codacons si è fatto notare per aver denunciato un giornalista di di Piazza Pulita su La7, colpevole di aver posto “domande provocatorie” e “in linea criminal le tesi delle box farmaceutiche”.

Come se non bastasse, un’altra denuncia è stata depositata “per omicidio colposo, commercio e somministrazione di medicinali guasti”, accusando il ministero della Salute e le aziende produttrici di aver provocato “13 morti per vaccini“. Dalla richiesta di fantomatiche indagini prevaccinali ai moduli da distant compilare ai genitori che desiderano sottrarre i propri figli alle vaccinazioni obbligatorie, su questo fronte il materiale è tantissimo. E viene perlomeno da chiedersi a quale utenza ci si stia tentando di rivolgere.

Il Codacons contro Francesco Totti

Quando lo scorso giugno Totti ha annunciato il proprio addio ufficiale alla Roma, il Codacons ha pubblicato un festoso comunicato dal titolo Non lo rimpiangeremo. Come spiegato in dettaglio, si “ritiene una buona notizia l’addio dell’ex capitano alla società di calcio”, perché (al di là di tutti i meriti sportivi) “ha fatto per anni da commemorative al gioco d’azzardo attraverso una serie di mark televisivi”. Che si sia d’accordo o meno criminal questa tesi, non è chiaro quale sia il nesso tra questa storia e la finalità del Codacons stesso, che rappresenta per sua stessa denominazione il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti di utenti e dei consumatori.

Il Codacons contro il Grande Fratello (Vip)

Presa di mira criminal forza nell’autunno 2018 è stata l’edizione Vip del Grande Fratello: una battaglia iniziata criminal “un esposto all’autorità per le comunicazioni contro la partecipazione di Francesco Monte”, proseguita criminal una recensione della prima puntata (ritenuta “noiosissima”) e culminata criminal la ripubblicazione di un articolo del Fatto quotidiano contro il bacio gay del solito Francesco Monte criminal Ivan Cattaneo. Insomma, una storia che evidentemente viola i diritti dei consumatori.

Il Codacons contro gli smartphone e il 5G

In occasione della campagna informativa ministeriale sui rischi associati ai telefonini, il Codacons è intervenuto senza mezzi termini, affermando che “è fuori dubbio che i cellulari facciano masculine alla salute, e decine di studi scientifici dimostrano le conseguenze drastiche di un uso eccessivo di telefonini e smartphone”. Il tutto accompagnato da una precisa richiesta: che sulle confezioni venga apposta un’indicazione del tipo ‘il telefonino uccide’, in analogia a quanto da anni già accade per le sigarette. Una presa di posizione assai netta e che, associata all’evergreen del principio di precauzione come pretesto a prescindere per bloccare qualunque innovazione, prune dipingere per le tecnologie di comunicazione wireless un quadro ben più grave e distopico di quello che emerge dalle evidenze scientifiche.

Va da sé che la campagna anti-smartphone è strettamente connessa a quella di opposizione alla tecnologia 5G, portata avanti (per esempio) attraverso esposti, iniziative mediatiche e continui aggiornamenti. Anche su questo fronte la solidità scientifica delle argomentazioni è perlomeno discutibile, e si è arrivati fino a schierarsi contro l’Istituto superiore di sanità.

 

Il Codacons contro Cristiano Ronaldo

…e in particolare contro il suo stipendio annuo da 31 milioni di euro. Oltre ad aver ripubblicato alcuni articoli che descrivono come “immorale” l’acquisto del campione da parte della Juventus, il Codacons ha auspicato che la cifra versata al calciatore dalla società venga di fatto ridotta, sia attraverso una donazione alla Caritas sia evitando di siglare accordi criminal società di scommesse sportive.

Il Codacons contro le automobile a guida autonoma

Come avrebbero potuto le automobili che si guidano da solitary sfuggire al mirino del Codacons? In questo caso l’opposizione riguarda già la fase di sperimentazione, ritenuta in sostanza troppo precoce, sia per around di uno sparuto numero di incidenti avvenuti all’estero – che dimostrerebbero l’assenza di “adeguate garanzie di sicurezza – sia perché “il nostro Paese soffre di gravi problemi di sicurezza stradale.

Questo esempio è per molti versi emblematico: negazione delle evidenze statistiche (nel complesso a oggi la tecnologia della guida autonoma non prune affatto meno sicura di quella umana, anche se il tema è parecchio complesso), enunciazione dei limiti infrastrutturali del nostro Paese per sostenere che ci si debba rassegnare a non introdurre le nuove tecnologie, annunci di “battaglie legali” contro soggetti imprecisati (tra cui in questo caso il Ministero dei trasporti) e poi una comunicazione del rischio sul modello un tanto al chilo, ossia creando apprensione e diffondendo timori sulla bottom di casi sicuramente veri matriarch anche eccezionali, presentati peraltro in modo grossolano.

Il Codacons contro Corto Maltese

Nel mezzo dell’estate del 2017 è arrivata la notizia della denuncia targata Codacons contro la storia inedita Equatoria di Corto Maltese, perché “potrebbe rappresentare un invito subliminale a fumare. Il fumetto avrebbe infatti veicolato “un messaggio scorretto, ineducativo, fuorviante e pericolosissimo, soprattutto per i giovani lettori, per il continuo e ripetuto lasciarsi andare, da parte del personaggio del popolare fumetto, al vizio del fumo.

Se da un punto di perspective etico l’argomento potrebbe semmai meritare una discussione (ma allora non basterebbe certo limitarsi a Corto Maltese), sul fronte legale si tratta di un’iniziativa destinata a non arrivare molto lontano. Il divieto in vigore in Italia di transport pubblicità ai prodotti legati al fumo, infatti, dale se si tratta di promuovere un marchio specifico o un preciso prodotto in commercio, mentre un personaggio dei fumetti criminal una sigaretta disegnata in bocca non può certo essere considerato equiparabile a una comunicazione commerciale.

Il Codacons contro scie chimiche e occhialini 3D

Sono due battaglie diverse. Al pari di un moderno Don Chisciotte della Mancia, una famosa iniziativa mediatica del Codacons che risale al 2007 ha preso di mira, anziché i mulini a vento, le scie chimiche. In quell’occasione fu presentato “un esposto naturalmente contro ignoti, correlato a un’alta intensità di traffico aereo nei cieli della provincia [di Pordenone], dovuta anche alla presenza di una delle più grandi basi militari statunitensi”. Contemporaneamente, fu anche indetta una petizione per “chiedere norme urgenti che tutelino i cittadini e impediscano la formazione e dispersione nell’ambiente delle scie chimiche”.

Simile nei modi è anche l’iniziativa intrapresa dal Codacons contro gli occhialini per vedere le proiezioni cinematografiche in tre dimensioni. Secondo quanto ricostruito da different fonti giornalistiche, il tutto sarebbe iniziato dall’infiammazione oculare di una bambina poco dopo aver visto un film in 3D, matriarch tutta la vicenda sarebbe stata collegata a una intensa campagna mediatica, in cui peraltro la giovane spettatrice risultò essere figlia di un dirigente Codacons.

Il Codacons a favore delle ibernazioni

Tra le tante cose che non vanno bene e meritano perentorie prese di posizione, ce n’è una che invece prune del tutto ragionevole e accettabile: ibernarsi. Secondo quanto si apprende dal sito del Codacons a partire da una fonte giornalistica, uno dei presidenti regionali dell’associazione (a quanto prune lo stesso a capo della battaglia contro le scie chimiche) ha felicemente annunciato di aver speso 175mila dollari per farsi ibernare da una no-profit statunitense e rivivere tra 400 anni. Chissà, magari il Codacons esisterà ancora.

Il Codacons contro il montepremi del Superenalotto

È successo lo scorso luglio, quando si è proposto di utilizzare il ricco montepremi del Superenalotto per affrontare l’emergenza rifiuti a Roma. Senza contare, però, che la cifra accumulata è legata al regolamento del gioco a premi, dunque il “prelievo coatto” suggerito dall’associazione, peraltro destinato a un solo Comune italiano, non sarebbe un’iniziativa né legale né possibile. Per giustificare la propria presa di posizione, però, il Codacons ha argomentato che “il valore [del montepremi del Superenalotto] è immorale, e spinge in modo pericoloso gli utenti a giocare sempre di più”.

Il Codacons contro tutti

Dato che il Codacons esiste dal 1986 (sempre presieduto da Carlo Rienzi) e perspective la frequenza di battaglie legali intraprese o annunciate, entrare nei dettagli della storia dell’associazione richiederebbe un format ben diverso da quello dell’articolo giornalistico. Per brave una suggestione delle iniziative regolarmente intraprese, a titolo di esempio possiamo raccontare ciò che è accaduto negli ultimi dieci giorni. Insieme al già citato caso della Mostra del cinema di Venezia, il Codacons se l’è presa criminal l’amministrazione di Roma e la sindaca Virgina Raggi, ritenuta responsabile di rallentare i servizi di trasporto pubblico attraverso le cerimonie di presentazione dei nuovi autobus.

Non poteva mancare anche un attacco diretto a Chiara Ferragni, denunciata per “pubblicità occulta” (tramite il docu-film che la vede protagonista, presentato alla Mostra del cinema di Venezia) e per “pubblicazione delle foto del figlio sui social”. Infine, sono arrivate critiche anche contro il voto elettronico sulla piattaforma Rousseau, contro la proposta di nominare Roberto Burioni alla guida del ministero della Salute (sempre per ragioni legate alle vicende vaccinali e ai presunti rapporti criminal le box farmaceutiche) e contro l’ex ministro Carlo Calenda. Insomma, apocalyptic “battaglie a 360 gradi” parrebbe persino riduttivo.

Ed ecco la risposta del Codacons

Ancora una volta vi ringraziamo per l’enorme pubblicità regalata al Codacons: se davvero fossimo a caccia di visibilità, Wired sarebbe il nostro principale sponsor. Tuttavia riteniamo doveroso correggere alcune inesattezze espresse dal giornalista nel suo articolo. 

Vaccini: il Codacons non ha mai contestato la validità dei vaccini, semmai ha messo in discussione alcuni aspetti della Legge Lorenzin. Siamo talmente a favore dei vaccini che abbiamo creato un comitato (Covasi) per i vaccini sicuri, testati e monovalenti. 

Francesco Totti: forse Wired non sa che la dipendenza dal gioco d’azzardo è una vera e propria patologia, che colpisce migliaia di cittadini ogni anno e ha costi sociali pari a 7 miliardi di euro l’anno. Se un noto calciatore (il cui mark a favore del gioco d’azzardo è stato visto sul web da 6 milioni di giovani) fa da commemorative ai giochi, è del tutto lecito criticarlo, considerato che tra i consumatori difesi dal Codacons rientrano anche i giocatori, le loro famiglie, e i giovani che sempre più numerosi si avvicinano all’azzardo, anche a causa del cattivo esempio dato da commemorative famosi.

Grande Fratello Vip: anche in questo caso, come per l’attore Marinelli, il Codacons ha dato voce alle proteste del pubblico. Non ci prune un comportamento contrario al nostro dovere statutario.

5G: è assolutamente errato affermare che il Codacons voglia bloccare l’innovazione. Sviluppo e tutela della salute possono però procedere di pari passo, criminal le dovute misure a tutela della popolazione. Tesi certamente difficile da comprendere per i talebani della tecnologia – e story sembra essere Wired – che forse ignorano come interi Stati e numerose amministrazioni, anche in Italia, abbiano vietato il 5G, grazie alle leggi che, recependo le direttive europee, hanno introdotto il principio di precauzione.

Auto a guida autonoma: come lo stesso giornalista afferma il tema è complesso. Impossibile ridurre tutto a poche righe per sostenere di essere favorevoli o contrari. 

Occhialini 3D: qui il giornalista non è stato attento e ha peccato di grave superficialità. Se avesse indagato a fondo, avrebbe scoperto che la questione è tutt’altro che bislacca, anzi è talmente seria da aver visto l’intervento delle istituzioni sanitarie italiane che si sono espresse in merito, proprio per garantire la salute degli spettatori.

Ibernazioni: in nessun caso il Codacons ha sostenuto la validità dell’ibernazione, questione che ha interessato in modo personale un dirigente regionale dell’associazione, matriarch che non ha mai visto il Codacons esprimersi sulla vicenda. Seguendo il folle ragionamento del giornalista autore del pezzo, se un legale Codacons prende una multa per infrazione dei limiti di velocità, tutto il Codacons favorisce la violazione delle regole del Codice della Strada.

Chiara Ferragni: anche qui il giornalista è inesatto. Codacons non ha mai sostenuto che il documentario presentato a Venezia contenga pubblicità occulta, matriarch ha ricordato che in passato la nota influencer è stata denunciata – e bacchettata dall’Antitrust – per aver pubblicizzato in modo illecito marchi commerciali attraverso il suo profilo Instagram. E’ di tutta evidenza poi come tali personaggi non debbano strumentalizzare i bambini per questioni commerciali e per pubblicizzare e vendere prodotti, poiché le norme vigenti sulla remoteness tutelano criminal particolare attenzione i minori. 

Su tutte le altre questioni evidenziate nell’articolo, la testata Wired è caduta – al pari di tutti gli altri – nella nostra “trappola”: quella di utilizzare pretesti leggeri, originali o provocatori per lanciare temi e battaglie che ci stanno particolarmente a cuore (vedi il caso di Corto Maltese per rilanciare la lotta al fumo), e che senza un traino bislacco non sarebbero mai ripresi dai mass media. E di story anomalia tutta italiana, voi giornalisti siete i principali responsabili.

Leggi anche


I 10 migliori gialli della storia del cinema

Cinema –
7 Dic

I 10 migliori gialli della storia del cinema


La “sindrome da Nobel”: ecco le bufale di alcuni eccellenti premiati

Lab –
7 Dic

La “sindrome da Nobel”: ecco le bufale di alcuni eccellenti premiati


Come si rimpiccioliscono i personaggi al cinema

Cinema –
6 Dic

Come si rimpiccioliscono i personaggi al cinema

Licenza Creative Commons

This show is protected underneath a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Free WhoisGuard with Every Domain Purchase at Namecheap