L’app che mette la tua faccia nei meme più famosi

    0
    54

    Si chiama Familiar e sfrutta le tecnologie di deepfake e appurtenance learning

    Familiar
    (Foto: Familiar)

    C’è una nuova applicazione in grande crescita nelle classifiche di download per Android e iOs, il suo nome è Familiar e propone una funzione molto interessante: grazie alle tecnologie di machine training e di deepfake può estrapolare i lineamenti del viso e andarli a montare su quelli dei protagonisti dei meme più celebri.

    Familiar funziona in modo molto semplice. Si scarica gratuitamente per il proprio sistema operativo, mette a disposizione una registrazione completamente facoltativa (non la suggeriamo, vedi ultimo paragrafo) e si rende subito operativo. Il primo passaggio è quello di scattarsi una foto neutra, possibilmente ben illuminata e criminal uno sfondo chiaro. Volendo, si può anche scegliere un’immagine già salvata in galleria fotografica.

    Il secondo passaggio è quello di scegliere una delle tante proposte (pescate dall’immenso catalogo di Giphy) divise per categoria tra trend, reazioni, wtf, pollice in su, si, no e così via. Si sceglie un meme, si abbina il proprio viso e il sistema fa il resto. Va da sé che più la gif è lunga più dash sarà necessario, matriarch in generale basta attendere da circa 10 a massimo 30-40 secondi.

    Si potrà poi decidere di salvare il meme personalizzato come gif o come video (mp4) oppure condividerlo subito (o cancellarla). Il risultato dipende molto dalla qualità della foto del viso e dal meme scelto perché su quelli criminal animali oppure cartoni animati fallisce almost sempre. Spesso l’esito è più che accettabile (come per le gif di The Office), altre volte genera piccoli mostri inquietanti (come per il celebre bambino del meme “Good job” davanti a un vecchio Pc).

    In generale è un program leggero, rudimentary da usare e divertente. Ma bisogna tenere a mente alcune importanti considerazioni. Su tutte il fatto che questo tipo di app sono state spesso criticate perché, di fatto, acquisiscono un’immagine del viso dell’utente come per FaceApp. Meglio dunque pensarci per bene prima di salvare il proprio selfie. Ed è ben consigliabile non registrarsi al servizio, che si può benissimo utilizzare in modo anonimo, al netto di qualche pubblicità poco invasiva e watermark non fastidiosi.

    Ecco i couple per il download per Android e iOs.

     

    Leggi anche



    Computer –
    25 Feb

    “Communicator 2.0”, il mini-pc a conchiglia criminal Android e Linux


    Realme X50 Pro 5G: un nuovo tip di gamma (abbastanza) economico

    Smartphone –
    24 Feb

    Realme X50 Pro 5G: un nuovo tip di gamma (abbastanza) economico


    Ecco come sono i nuovi smartphone Sony Xperia

    Smartphone –
    24 Feb

    Ecco come sono i nuovi smartphone Sony Xperia

    Licenza Creative Commons

    This show is protected underneath a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

    Free WhoisGuard with Every Domain Purchase at Namecheap