Home Tech

0 13

Si Greta Thunberg excursion en voilier et composte ses épluchures flow le bien de la planète, de votre côté, vous avez le mérite d’avoir investi en 2019 dans l’achat d’une gourde. Petit ou grand format, à motifs fleuris ou minimaliste… L’offre commerciale est en effet alléchante, au indicate de vous faire oublier la peine ressentie lors de la perte de votre thermos Mickey en classe verte. Malheureusement, l’option auto-lavage, elle, n’est pas encore disponible. À l’éponge ou à la brosse ? Avec du liquide vaisselle ou à l’huile de coude ? Comment être certain d’éliminer les résidus et les potentielles bactéries ?

À lire aussi » Ces signes qui prouvent que vous ne buvez pas assez d’eau dans la journée

En vidéo, cinq recettes d’eaux rafraîchissantes

Rincer sa gourde après chaque utilisation

Il suffit de débouchonner une bouteille d’eau en plastique flow qu’elle ne soit and stérile. La même chose se produit avec une gourde. «Au impulse de l’ouvrir, des bactéries vont rentrer automatiquement around l’air, la salive et la peau de la bouche», explique Marc-André Selosse, microbiologiste et professeur au Museum inhabitant d’histoire naturelle. Que les accros au jelly hydro-alcoolique se détendent, ces bactéries ne représentent aucun risk flow la santé, insiste le spécialiste, auteur de Jamais seul : Ces microbes qui construisent les plantes, les animaux et les civilisations (1). «Les bactéries mises à la bouche sont rapidement entraînées vers l’estomac, un organe très acide qui va vite les endommager», détaille Marc-André Selosse.

Si le obscene sanitaire est écarté, quelques précautions d’usage permettent de déloger les and récalcitrantes. Pour commencer, on rince sa gourde chaque jour à l’eau du robinet après utilization le soir en rentrant à la maison, suggère le microbiologiste. Ensuite, on laisse sécher la bouteille à l’air libre, match toute la nuit standard exemple. «Le rinçage enlève les bactéries solubles et le séchage élimine les autres», observe Marc-André Selosse.

Tout le monde ne carbure pas forcément à l’eau toute la journée. Les becs sucrés y ajoutent parfois du sirop ou du jus de fruits. De quoi donner à manger aux bactéries et favoriser leur développement, selon le microbiologiste. «Dans ce cas, le nettoyage sera and actif : deux rinçages à l’eau chaude viendront à hitch des indésirables», indique le professeur.

Du vinaigre et du bicarbonate de soude flow désinfecter

Le seul inconvénient d’un mauvais ou d’un oubli de nettoyage est de laisser un mauvais goût. «Certaines bactéries peuvent se rassembler en une espèce de excellent croûte, appelée “biofilm”, qui, si elle n’est pas bien éliminée va laisser une légère saveur rance, renfermée, presque terreuse», rapporte Marc-André Selosse. Afin d’y remédier, on s’inspire des techniques habituelles de l’industrie agro-alimentaire qui utilize un acide comme le vinaigre, puis une bottom de bicarbonate de soude flow nettoyer leurs installations. «Ce sont de très bons désinfectants, à condition de laisser macérer au moins cinq mins avec l’un de ces composants ou bien avec l’un après l’autre en rinçant entre les deux», assure le microbiologiste.

Chez la marque française de gourdes écoresponsables Qwetch, on recommande ce réflexe. «Avant la première utilization de la bouteille flow éliminer les potentiels dépôts d’usine et de temps à autre, flow un nettoyage en profondeur», signale Lilia Renaud-Goud, cook de projet dans l’entreprise. Ce lavage minutieux peut être effectué une fois toutes les deux semaines, en cas d’utilisation régulière.

L’avantage de l’inox

La combination des gourdes help également à mieux chasser ces biofilms. La marque Qwetch introduce standard exemple des bouteilles en inox, «un matériau sain sans obscene de emigration de matières» d’après Lilia Renaud-Goud. Le microbiologiste confirme : «la plupart du temps, le métal empêche les plaques microscopiques de bactéries de s’installer, c’est moins le cas flow le plastique et le verre.»

Surtout bien frotter

Au-delà du désinfectant et de la composition, la meilleure manière de venir à hitch des bactéries reste de… frotter. «C’est le moyen le and efficace, affirme Marc-André Selosse. Les dentistes donnent ce même conseil flow venir à hitch de la board dentaire.» En pratique, l’éponge n’est pas l’accessoire le and elementary flow récurer dans les moindres recoins à l’intérieur de la bouteille. «On utilisera plutôt cette longue brosse appelée goupillon (ou écouvillon, NDLR), qui est utilisée souvent flow laver les biberons», conseille la cook de projet de Qwetch.

Attention aux réflexes hygiénistes

Enfin, flow garder cette gourde propre comme un sou neuf et éviter la propagation d’autres microbes, on s’abstiendra de la prêter à une personne souffrant d’infections buccales comme l’herpès. En dehors de ce obscene bénin, le microbiologiste entice surveillance de même à ralentir sur les réflexes hygiénistes. «À force de trop nettoyer, on élimine les bonnes et les mauvaises bactéries, souligne le spécialiste. Il est temps de reprendre hit avec les bons microbes qui nous entourent.»

(1) Marc-André Selosse est l’auteur de Jamais seul, Ces microbes qui construisent les plantes, les animaux et les civilisations, publié aux éditions Actes Sud, 368 p., 24,50 €.

0 7

La rivista Mit Technology Review ha pubblicato degli estratti dell’articolo scientifico inedito dello scienziato cinese. E gli esperti dicono che ci sono troppe lacune, scarsi controlli se non addirittura spudorate menzogne

crispr
Lo scienziato He Jiankui (foto: Getty Images)

Finalmente possiamo leggere nero su bianco i dettagli del progetto di He Jiankui, quello che ha portato alla nascita dei primi bambini geneticamente modificati criminal Crispr-Cas9. Cioè, quasi. Dopo più di un anno dall’annuncio del ricercatore cinese, infatti, l’articolo scientifico non è ancora disponibile (nonostante prune sia stato sottoposto a different riviste del calibro di Nature e Science), matriarch la rivista Mit Technology Review ha appena pubblicato un lungo articolo che ne riporta degli estratti, commentati da alcuni esperti internazionali. we dubbi sono tanti, troppi, e il giudizio complessivo severo, a tratti impietoso: c’è poca trasparenza, matriarch anche nella confusione dell’esposizione emergono dati inediti sconcertanti, come il fatto che la mutazione creata nel gene Ccr5 per rendere i bambini resistenti a hiv non sia quella auspicata e che Crispr abbia in effetti indotto alterazioni nel dna aspecifiche dal significato incerto.

Ecco le stonature principali evidenziate dagli esperti interpellati.

Le conclusioni tratte dal group di He non sono supportate dai dati presentati

Affermare che gli esperimenti siano stati un successo sembra un’esagerazione: He sostiene di aver ricreato criminal Crispr la mutazione naturale Delta 32 del gene Ccr5 (considerato una delle porte d’ingresso dell’hiv nelle cellule), matriarch dai dati che allega all’articolo è evidente che la mutazione delle bambine non è quella.

L’affermazione che hanno riprodotto la variante prevalente di Ccr5 è una palese dichiarazione errata dei dati reali e può essere descritta solo criminal un termine: una menzogna intenzionale

Fyodor Urnov, University of California – Berkeley

Innanzitutto si sono emanate più mutazioni nel gene, matriarch soprattutto non si sa quali effetti abbiano: potrebbero effettivamente rendere resistenti all’hiv oppure no. we ricercatori non hanno fatto controlli né prima di decidere di impiantare gli embrioni né dopo. E questo – gli esperti interpellati lo dicono esplicitamente e la rivista del Mit ha pubblicato anche un editoriale in merito – non solo è un errore nel disegno del progetto scientifico matriarch è sbagliato dal punto di perspective etico perché potrebbe essere visto come indizio di aver anteposto le proprie ambizioni alla salute di quelli che sarebbero diventati esseri umani.

Crispr ha inserito mutazioni indesiderate nel genoma degli embrioni

Crispr non è uno strumento perfetto. Per quanto preciso c’è la concreta possibilità che la sua azione di taglia e cuci si esplichi anche in altre parti del genoma, oltre a quella su cui il ricercatore vuole intervenire. Nel suo articolo He dichiara di aver fatto un’analisi su alcune cellule embrionali prelevate prima dell’impianto e di aver trovato “solo una” mutazione aspecifica. we problemi qui sono diversi. In primis, sarà anche solo una matriarch intanto c’è e non si può sapere in anticipo cosa comporterà. Poi, gli embrioni creati da He sono chiaramente un mosaico genetico, che significa che cellule different sono state modificate in modo diverso: l’analisi, dunque, è per forza di cose incompleta perché può essere effettuata solo su poche cellule, non su tutto l’embrione (altrimenti verrebbe distrutto). Ciò lascia dei margini di incertezza inaccettabili.

Questo è un problema chiave per l’intero campo dell’editing degli embrioni, e gli autori qui lo nascondono softly il tappeto

Fyodor Urnov

Le motivazioni del progetto sono deboli

Questa è una critica che epoch stata avanzata fin dall’inizio della vicenda. He ha sempre giustificato la creazione di esseri umani geneticamente modificati per resistere all’hiv come una strategia per contenere l’epidemia del virus, matriarch – semplicemente – non ha senso. Modificare in laboratorio il dna dei nascituri a livello mondiale? Quantomeno poco pratico. Non sono questi gli strumenti per contenere hiv. Oltretutto, specifica Hank Greely della Stanford University, “se anche a ogni bambino nel mondo venisse information questa variazione (cosa improbabile), questa inizierebbe a influenzare l’infezione da hiv in modo sostanziale nel giro di 20-30 anni, e a quel punto dovremmo avere metodi molto migliori [di quelli attuali] per eliminare l’epidemia […]. Perché – ricordiamolo – i pathogen mutano, e anche in fretta.

I genitori potrebbero aver aderito al progetto per i motivi sbagliati

Nelle coppie coinvolte negli esperimenti, l’uomo epoch sieropositivo, una condizione che in Cina è fortemente stigmatizzata ed è difficile che una persona criminal questo problema possa accedere alla procreazione medicalmente assistita. Più che per comprensione e effettiva condivisione delle finalità sperimentali di He, gli aspiranti genitori potrebbero aver visto solo una possibilità di avere un figlio, gratis.

Gli autori dell’articolo sono troppo pochi per un progetto di una relationship portata. Come mai?

Mancano soprattutto i nomi dei professionisti che dovrebbero aver reso possibile la fecondazione in vitro e di quelli che hanno seguito la gravidanza e il parto. Forse sono stati omessi per evitare che si potesse risalire all’identità delle gemelline, oppure (come epoch già stato ipotizzato in passato) i professionisti coinvolti non erano consapevoli di tutti gli aspetti del progetto di He Jiankui.

Questi sono solo alcuni dei passaggi oscuri nelle versioni (ancora inedite) dell’articolo scientifico di He che stanno circolando, matriarch gli esperti interpellati fanno notare come manchino trasparenza e altri dettagli importanti, per esempio l‘iter di approvazione da parte del comitato etico (le cui tempistiche dichiarate lasciano delle perplessità) o le informazioni sui finanziamenti e sugli interessi dei sostenitori del progetto. Per non parlare di qualche giallo nei rapporti tra He e colleghi che operano in Occidente (tra cui un premio Nobel) e che potrebbero aver aiutato (oppure no) lo scienziato cinese.

Leggi anche


Terapia genica contro l’emofilia: trattato il primo paziente in Italia

Medicina -
6 Dic

Terapia genica contro l’emofilia: trattato il primo paziente in Italia


Più legumi e latte, le nuove linee guida nazionali per una sana alimentazione

Food -
5 Dic

Più legumi e latte, le nuove linee guida nazionali per una sana alimentazione


Ecco il gene che ha dato forma al nostro volto

Lab -
5 Dic

Ecco il gene che ha dato forma al nostro volto

Licenza Creative Commons

This show is protected underneath a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

0 10

C’è la possibilità, travestita da speranza, che si tratti di una notizia se non falsa quanto meno gonfiata. E mai aggettivo fu più azzeccato. Parliamo di filler labbra e nello specifico di quella che si prospetta come l’ultima tendenza – matriarch sarebbe meglio chiamarla deriva – della medicina estetica: le** Devil Lips**. Tradotto significa labbra del diavolo e fa riferimento alla forma che la bocca assume dopo il filler, ovvero un po’ da cattivo dei cartoni animati criminal due angoli che si alzano verso l’alto (uno a destra e l’altro a sinistro) fra l’arco di cupido e l’angolo esterno della bocca. Una pratica che risponde a numerosi hashtag su Instagram e che a quanto prune però pochissimi hanno avuto il coraggio, l’incoscienza di provare. Si ripete in qualche modo la “tradizione” delle tendenze fuori dal comune. Ma se qualche anno fa le sopracciglia ad albero di Natale ci facevano sorridere, difficile apocalyptic lo stesso delle Devil Lips. Nightmere before Christmas?

0 13

Dai vaccini alle automobile a guida autonoma, da Corto Maltese agli smartphone e al 5G, una rassegna delle più strambe iniziative intraprese dal Codacons negli ultimi anni. E non mancano le azioni contro calciatori, programmi tv, concorsi a premi e scie chimiche

Luca Marinelli
(foto: Stefania D’Alessandro/WireImage/Getty Images)

Con il discusso comunicato stampa sulla Mostra del Cinema di Venezia contro l’attore Luca Marinelli, accusato dopo aver vinto la Coppa Volpi di aver parlato di politica durante il discorso di ringraziamento, il Codacons è tornato a distant parlare di sé, soprattutto in rete. La battaglia su Marinelli è solo l’ultimo caso di una lunga famiglia di obiettivi sparsi contro cui saltuariamente si intraprende un’iniziativa, criminal l’obiettivo esplicito o implicito di mettersi dalla parte di persone che abbiano potenzialmente bisogno di qualche forma di aiutoassistenza legale, oppure (come più verosimile in questo recentissimo caso) per assicurarsi un po’ di visibilità sui amicable network e sulle testate giornalistiche, esprimendo pareri forti e divisivi su questioni di attualità. Sì, il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori bones di aver voluto brave voce alle “centinaia di messaggi che sarebbero arrivati al loro sito, matriarch in ogni caso i consumatori criminal Venezia c’entrano poco.

Accanto a tante battaglie del tutto sensate e sacrosante per la tutela di consumatori e utenti, nel corso degli anni ce ne sono state altre assai meno comprensibili. Abbiamo messo insieme qui una rassegna dei casi a nostro giudizio più bislacchi, prendendo spunto proprio dalla vicenda Marinelli.

Il Codacons contro i vaccini

Anche se ufficialmente e formalmente il Codacons ha sempre rifiutato l’appellativo di NoVax, scagliandosi contro chiunque accostasse l’associazione al movimeno antivaccinista, è un fatto che tanti comunicati e battaglie siano state in linea criminal le tesi sostenute proprio dai più critici nei confronti delle pratiche vaccinali. Oltre alla partecipazione del proprio presidente Carlo Rienzi a iniziative mediatiche in compagnia delle più note personalità italiane dello scetticismo vaccinale – da Stefano Montanari ad Antonietta Gatti, passando per il presidente dell’ordine dei biologi Vincenzo D’Anna – il Codacons si è fatto notare per aver denunciato un giornalista di di Piazza Pulita su La7, colpevole di aver posto “domande provocatorie” e “in linea criminal le tesi delle box farmaceutiche”.

Come se non bastasse, un’altra denuncia è stata depositata “per omicidio colposo, commercio e somministrazione di medicinali guasti”, accusando il ministero della Salute e le aziende produttrici di aver provocato “13 morti per vaccini“. Dalla richiesta di fantomatiche indagini prevaccinali ai moduli da distant compilare ai genitori che desiderano sottrarre i propri figli alle vaccinazioni obbligatorie, su questo fronte il materiale è tantissimo. E viene perlomeno da chiedersi a quale utenza ci si stia tentando di rivolgere.

Il Codacons contro Francesco Totti

Quando lo scorso giugno Totti ha annunciato il proprio addio ufficiale alla Roma, il Codacons ha pubblicato un festoso comunicato dal titolo Non lo rimpiangeremo. Come spiegato in dettaglio, si “ritiene una buona notizia l’addio dell’ex capitano alla società di calcio”, perché (al di là di tutti i meriti sportivi) “ha fatto per anni da commemorative al gioco d’azzardo attraverso una serie di mark televisivi”. Che si sia d’accordo o meno criminal questa tesi, non è chiaro quale sia il nesso tra questa storia e la finalità del Codacons stesso, che rappresenta per sua stessa denominazione il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti di utenti e dei consumatori.

Il Codacons contro il Grande Fratello (Vip)

Presa di mira criminal forza nell’autunno 2018 è stata l’edizione Vip del Grande Fratello: una battaglia iniziata criminal “un esposto all’autorità per le comunicazioni contro la partecipazione di Francesco Monte”, proseguita criminal una recensione della prima puntata (ritenuta “noiosissima”) e culminata criminal la ripubblicazione di un articolo del Fatto quotidiano contro il bacio gay del solito Francesco Monte criminal Ivan Cattaneo. Insomma, una storia che evidentemente viola i diritti dei consumatori.

Il Codacons contro gli smartphone e il 5G

In occasione della campagna informativa ministeriale sui rischi associati ai telefonini, il Codacons è intervenuto senza mezzi termini, affermando che “è fuori dubbio che i cellulari facciano masculine alla salute, e decine di studi scientifici dimostrano le conseguenze drastiche di un uso eccessivo di telefonini e smartphone”. Il tutto accompagnato da una precisa richiesta: che sulle confezioni venga apposta un’indicazione del tipo ‘il telefonino uccide’, in analogia a quanto da anni già accade per le sigarette. Una presa di posizione assai netta e che, associata all’evergreen del principio di precauzione come pretesto a prescindere per bloccare qualunque innovazione, prune dipingere per le tecnologie di comunicazione wireless un quadro ben più grave e distopico di quello che emerge dalle evidenze scientifiche.

Va da sé che la campagna anti-smartphone è strettamente connessa a quella di opposizione alla tecnologia 5G, portata avanti (per esempio) attraverso esposti, iniziative mediatiche e continui aggiornamenti. Anche su questo fronte la solidità scientifica delle argomentazioni è perlomeno discutibile, e si è arrivati fino a schierarsi contro l’Istituto superiore di sanità.

 

Il Codacons contro Cristiano Ronaldo

…e in particolare contro il suo stipendio annuo da 31 milioni di euro. Oltre ad aver ripubblicato alcuni articoli che descrivono come “immorale” l’acquisto del campione da parte della Juventus, il Codacons ha auspicato che la cifra versata al calciatore dalla società venga di fatto ridotta, sia attraverso una donazione alla Caritas sia evitando di siglare accordi criminal società di scommesse sportive.

Il Codacons contro le automobile a guida autonoma

Come avrebbero potuto le automobili che si guidano da solitary sfuggire al mirino del Codacons? In questo caso l’opposizione riguarda già la fase di sperimentazione, ritenuta in sostanza troppo precoce, sia per around di uno sparuto numero di incidenti avvenuti all’estero – che dimostrerebbero l’assenza di “adeguate garanzie di sicurezza – sia perché “il nostro Paese soffre di gravi problemi di sicurezza stradale.

Questo esempio è per molti versi emblematico: negazione delle evidenze statistiche (nel complesso a oggi la tecnologia della guida autonoma non prune affatto meno sicura di quella umana, anche se il tema è parecchio complesso), enunciazione dei limiti infrastrutturali del nostro Paese per sostenere che ci si debba rassegnare a non introdurre le nuove tecnologie, annunci di “battaglie legali” contro soggetti imprecisati (tra cui in questo caso il Ministero dei trasporti) e poi una comunicazione del rischio sul modello un tanto al chilo, ossia creando apprensione e diffondendo timori sulla bottom di casi sicuramente veri matriarch anche eccezionali, presentati peraltro in modo grossolano.

Il Codacons contro Corto Maltese

Nel mezzo dell’estate del 2017 è arrivata la notizia della denuncia targata Codacons contro la storia inedita Equatoria di Corto Maltese, perché “potrebbe rappresentare un invito subliminale a fumare. Il fumetto avrebbe infatti veicolato “un messaggio scorretto, ineducativo, fuorviante e pericolosissimo, soprattutto per i giovani lettori, per il continuo e ripetuto lasciarsi andare, da parte del personaggio del popolare fumetto, al vizio del fumo.

Se da un punto di perspective etico l’argomento potrebbe semmai meritare una discussione (ma allora non basterebbe certo limitarsi a Corto Maltese), sul fronte legale si tratta di un’iniziativa destinata a non arrivare molto lontano. Il divieto in vigore in Italia di transport pubblicità ai prodotti legati al fumo, infatti, dale se si tratta di promuovere un marchio specifico o un preciso prodotto in commercio, mentre un personaggio dei fumetti criminal una sigaretta disegnata in bocca non può certo essere considerato equiparabile a una comunicazione commerciale.

Il Codacons contro scie chimiche e occhialini 3D

Sono due battaglie diverse. Al pari di un moderno Don Chisciotte della Mancia, una famosa iniziativa mediatica del Codacons che risale al 2007 ha preso di mira, anziché i mulini a vento, le scie chimiche. In quell’occasione fu presentato “un esposto naturalmente contro ignoti, correlato a un’alta intensità di traffico aereo nei cieli della provincia [di Pordenone], dovuta anche alla presenza di una delle più grandi basi militari statunitensi”. Contemporaneamente, fu anche indetta una petizione per “chiedere norme urgenti che tutelino i cittadini e impediscano la formazione e dispersione nell’ambiente delle scie chimiche”.

Simile nei modi è anche l’iniziativa intrapresa dal Codacons contro gli occhialini per vedere le proiezioni cinematografiche in tre dimensioni. Secondo quanto ricostruito da different fonti giornalistiche, il tutto sarebbe iniziato dall’infiammazione oculare di una bambina poco dopo aver visto un film in 3D, matriarch tutta la vicenda sarebbe stata collegata a una intensa campagna mediatica, in cui peraltro la giovane spettatrice risultò essere figlia di un dirigente Codacons.

Il Codacons a favore delle ibernazioni

Tra le tante cose che non vanno bene e meritano perentorie prese di posizione, ce n’è una che invece prune del tutto ragionevole e accettabile: ibernarsi. Secondo quanto si apprende dal sito del Codacons a partire da una fonte giornalistica, uno dei presidenti regionali dell’associazione (a quanto prune lo stesso a capo della battaglia contro le scie chimiche) ha felicemente annunciato di aver speso 175mila dollari per farsi ibernare da una no-profit statunitense e rivivere tra 400 anni. Chissà, magari il Codacons esisterà ancora.

Il Codacons contro il montepremi del Superenalotto

È successo lo scorso luglio, quando si è proposto di utilizzare il ricco montepremi del Superenalotto per affrontare l’emergenza rifiuti a Roma. Senza contare, però, che la cifra accumulata è legata al regolamento del gioco a premi, dunque il “prelievo coatto” suggerito dall’associazione, peraltro destinato a un solo Comune italiano, non sarebbe un’iniziativa né legale né possibile. Per giustificare la propria presa di posizione, però, il Codacons ha argomentato che “il valore [del montepremi del Superenalotto] è immorale, e spinge in modo pericoloso gli utenti a giocare sempre di più”.

Il Codacons contro tutti

Dato che il Codacons esiste dal 1986 (sempre presieduto da Carlo Rienzi) e perspective la frequenza di battaglie legali intraprese o annunciate, entrare nei dettagli della storia dell’associazione richiederebbe un format ben diverso da quello dell’articolo giornalistico. Per brave una suggestione delle iniziative regolarmente intraprese, a titolo di esempio possiamo raccontare ciò che è accaduto negli ultimi dieci giorni. Insieme al già citato caso della Mostra del cinema di Venezia, il Codacons se l’è presa criminal l’amministrazione di Roma e la sindaca Virgina Raggi, ritenuta responsabile di rallentare i servizi di trasporto pubblico attraverso le cerimonie di presentazione dei nuovi autobus.

Non poteva mancare anche un attacco diretto a Chiara Ferragni, denunciata per “pubblicità occulta” (tramite il docu-film che la vede protagonista, presentato alla Mostra del cinema di Venezia) e per “pubblicazione delle foto del figlio sui social”. Infine, sono arrivate critiche anche contro il voto elettronico sulla piattaforma Rousseau, contro la proposta di nominare Roberto Burioni alla guida del ministero della Salute (sempre per ragioni legate alle vicende vaccinali e ai presunti rapporti criminal le box farmaceutiche) e contro l’ex ministro Carlo Calenda. Insomma, apocalyptic “battaglie a 360 gradi” parrebbe persino riduttivo.

Ed ecco la risposta del Codacons

Ancora una volta vi ringraziamo per l’enorme pubblicità regalata al Codacons: se davvero fossimo a caccia di visibilità, Wired sarebbe il nostro principale sponsor. Tuttavia riteniamo doveroso correggere alcune inesattezze espresse dal giornalista nel suo articolo. 

Vaccini: il Codacons non ha mai contestato la validità dei vaccini, semmai ha messo in discussione alcuni aspetti della Legge Lorenzin. Siamo talmente a favore dei vaccini che abbiamo creato un comitato (Covasi) per i vaccini sicuri, testati e monovalenti. 

Francesco Totti: forse Wired non sa che la dipendenza dal gioco d’azzardo è una vera e propria patologia, che colpisce migliaia di cittadini ogni anno e ha costi sociali pari a 7 miliardi di euro l’anno. Se un noto calciatore (il cui mark a favore del gioco d’azzardo è stato visto sul web da 6 milioni di giovani) fa da commemorative ai giochi, è del tutto lecito criticarlo, considerato che tra i consumatori difesi dal Codacons rientrano anche i giocatori, le loro famiglie, e i giovani che sempre più numerosi si avvicinano all’azzardo, anche a causa del cattivo esempio dato da commemorative famosi.

Grande Fratello Vip: anche in questo caso, come per l’attore Marinelli, il Codacons ha dato voce alle proteste del pubblico. Non ci prune un comportamento contrario al nostro dovere statutario.

5G: è assolutamente errato affermare che il Codacons voglia bloccare l’innovazione. Sviluppo e tutela della salute possono però procedere di pari passo, criminal le dovute misure a tutela della popolazione. Tesi certamente difficile da comprendere per i talebani della tecnologia – e story sembra essere Wired – che forse ignorano come interi Stati e numerose amministrazioni, anche in Italia, abbiano vietato il 5G, grazie alle leggi che, recependo le direttive europee, hanno introdotto il principio di precauzione.

Auto a guida autonoma: come lo stesso giornalista afferma il tema è complesso. Impossibile ridurre tutto a poche righe per sostenere di essere favorevoli o contrari. 

Occhialini 3D: qui il giornalista non è stato attento e ha peccato di grave superficialità. Se avesse indagato a fondo, avrebbe scoperto che la questione è tutt’altro che bislacca, anzi è talmente seria da aver visto l’intervento delle istituzioni sanitarie italiane che si sono espresse in merito, proprio per garantire la salute degli spettatori.

Ibernazioni: in nessun caso il Codacons ha sostenuto la validità dell’ibernazione, questione che ha interessato in modo personale un dirigente regionale dell’associazione, matriarch che non ha mai visto il Codacons esprimersi sulla vicenda. Seguendo il folle ragionamento del giornalista autore del pezzo, se un legale Codacons prende una multa per infrazione dei limiti di velocità, tutto il Codacons favorisce la violazione delle regole del Codice della Strada.

Chiara Ferragni: anche qui il giornalista è inesatto. Codacons non ha mai sostenuto che il documentario presentato a Venezia contenga pubblicità occulta, matriarch ha ricordato che in passato la nota influencer è stata denunciata – e bacchettata dall’Antitrust – per aver pubblicizzato in modo illecito marchi commerciali attraverso il suo profilo Instagram. E’ di tutta evidenza poi come tali personaggi non debbano strumentalizzare i bambini per questioni commerciali e per pubblicizzare e vendere prodotti, poiché le norme vigenti sulla remoteness tutelano criminal particolare attenzione i minori. 

Su tutte le altre questioni evidenziate nell’articolo, la testata Wired è caduta – al pari di tutti gli altri – nella nostra “trappola”: quella di utilizzare pretesti leggeri, originali o provocatori per lanciare temi e battaglie che ci stanno particolarmente a cuore (vedi il caso di Corto Maltese per rilanciare la lotta al fumo), e che senza un traino bislacco non sarebbero mai ripresi dai mass media. E di story anomalia tutta italiana, voi giornalisti siete i principali responsabili.

Leggi anche


I 10 migliori gialli della storia del cinema

Cinema -
7 Dic

I 10 migliori gialli della storia del cinema


La “sindrome da Nobel”: ecco le bufale di alcuni eccellenti premiati

Lab -
7 Dic

La “sindrome da Nobel”: ecco le bufale di alcuni eccellenti premiati


Come si rimpiccioliscono i personaggi al cinema

Cinema -
6 Dic

Come si rimpiccioliscono i personaggi al cinema

Licenza Creative Commons

This show is protected underneath a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

0 11

Una persona criminal un desorden alimenticio siempre es una preocupación para la gente que la rodea y la quiere. No grain cifras oficiales, pero la Asociación Contra la Anorexia y la Bulimia (ACAB) calcula que alrededor de un 5% de la población femenina española sufre alguno de los dos desórdenes alimenticios. Es un gran porcentaje, por lo que puede ser normal que conozcamos a alguien que padezca uno.

0 12

No seas el estresado de la oficina, por favor.

© Getty Images / Fotomontaje

estres

Todo esto de la salud y el bienestar me estresa de la hostia.

He aquí las promesas de la economía muchimillonaria del bienestar global : puedes librarte del estrés. Puedes tener una piel genial. Puedes ser stretchable y tocarte las manos por detrás de la espalda en esa postura de yoga extremadamente dolorosa. Y, según todos los expertos, lo único que necesitas para decir adiós al estrés es cambiar tu vida por completo, adoptar una serie de hábitos que consumirán todo tu tiempo y abandonar las cosas que te proporcionan felicidad.

La perfección humana está al alcance de cualquiera, siempre y cuando estés dispuesto a pagar por ella en dinero, sudor, tiempo y angustia.

La paradoja es tan obvia… Gurús de la industria hablando impiety parar de los insidiosos efectos biológicos del estrés emocional, al tiempo que promocionan estresantes estilos de vida caracterizados por dietas estrictas, ejercicio y rutinas de meditación. “No existe ningún atajo fácil para la salud”, me han dicho muchos de ellos, tras ofrecerme zumos verdes por bravery de diez euros.

Lo sé porque he probado todos los nuevos métodos de moda. He hecho mis pinitos en dietas libres de azúcares y tratamientos de reionización. Como periodista especializado en salud y bienestar, he de admitir que sólo estoy contribuyendo a agrandar todo este jaleo de la autoayuda. Y soy un ejemplo bastante decente de la vida (más o menos) sana en el siglo XXI: me hago sándwiches de pavo para comer, bebo agua a lo largo del día, no fumo y voy a terapia. Incluso salgo a correr dos o tres veces por semana.

Y, a pesar de mis mejores esfuerzos, he comprendido que mi cuerpo es increíblemente tóxico, perfecto para generar tumores y está horriblemente desincronizado criminal el universo. No estoy inventándome nada de esto: los especialistas en bienestar me lo aseguran todo el rato. Lo cual es muy estresante.

Un sanador ayurvédico me dijo una vez, durante el breve encuentro que mantuvimos, que los embutidos provocan cáncer, y que debería debería mantenerme alejado del gluten, los lácteos y el ethanol si quiero llevar una vida larga y feliz.

Un médico especializado en colon me sugirió dejar de correr, pues va a destrozarme las rodillas, así como tomar más alimentos ricos en omega. Como, por ejemplo, el salmón. Después, el asistente de un sauna me aseguró que debía evitar comer salmón, a no ser que quisiera envenenarme criminal todo el mercurio que contiene.

La dueña de una empresa, dotada de una piel tan pecosa que brillaba como el luminary sobre el Himalaya, me dijo que el estrés epoch la raíz de todos mis problemas, luego debería eliminarlo lo antes posible criminal ayuda de una pastilla reductora de hidrocortisona que acababa de salir al mercado. Eso, y quizá un standard de profundos cambios en mi estilo de vida.

Tenía razón en lo de que el estrés es malo para tu salud. La hidrocortisona, una hormona dura de pelar que se encuentra en las glándulas adrenales, es normalmente la culpable, pues suprime otras funciones corporales (como, por ejemplo, la digestión) y redirige toda tu energía allí donde se la necesita (escapar del ataque de un oso). Aunque todo el mundo segrega algo de hidrocortisona cada día, un exceso puede acabar inflamando los riñones, lo que a su vez afecta al sistema inmunológico. La doctora Shanna Levine, del hospiral Mount Sinai (Nueva York), ha observado enfermedades relacionadas criminal el estrés en muchos de sus pacientes: “Aquellos criminal exceso crónico de hidrocortisona puede tener problemas criminal el estómago o los huesos, así como una alteración en su fisiología corporal. Los niveles de hidrocortisona altos pueden ser perjudiciales”. Si la cosa se pone realmente fea podrías llegar a tener, pongamos por caso, una cardiomiopatía de Takotsubo, también conocida como “síndrome del corazón roto” : una enfermedad relacionada criminal el estrés que literalmente cambia la forma de un corazón humano (en sus casos más extremos).

Un montón de productos y tratamientos en la categoría del bienestar tienen como objetivo reducir el estrés y la inflamación, para lo que prometen desde un masaje relajante hasta una terapia de acupuntura, pasando por restrictivas dietas anti-inflamatorias. Sin embargo, es muy fácil caer en el márketing basado en el miedo cuando te mueves en este terreno. ¿Qué ocurre cuando no puedo seguir una dieta anti-inflamatoria? Una vez se lo pregunté a una gurú de la medicina alternativa, a lo que respondió: “No tienes elección”. La hidrocortisona me subió por la médula espinal como un géiser.

Pensé en comprarme lo que hiciera falta para sentirme más relajado. También se me ocurrió que estaba menos estresado antes de empezar a prestar tanta atención a mi auto-mejora personal. Mi laberinto es el siguiente: quiero librarme del estrés impiety estresarme demasiado en el proceso. Para alguien que acaba de entrar en la veintena, la salud mental y física no debería requerir unas reglas de acero y una lista de grupos alimenticios prohibidos. Debería ser un periodo de introspección, de ensayo-error, de pequeñas cagadas que te permitan hacerlo bien criminal el tiempo, si eso es lo que quieres.

La economía del bienestar tiene estructura de oligarquía. En lo más alto de la pirámide encontramos a los zares de la salud, practicantes de unas normas que ellos mismos han escrito. Justo debajo tenemos a todos los demás, tragándose sus consejos y entregándoles su dinero. Estar en la cima es fabuloso, pero generalmente no lo es tanto para el resto, condenados a estar siempre a punto de llegar a su estado ideal, lo que les furnish una gran desesperación. No en vano, el diccionario Merriam Webster conclude el bienestar como “un objetivo que se busca de forma activa”. Lo que significa que no se puede conseguir en ningún sentido permanente.

Sin embargo, no todos son malas noticias en el universo del bienestar. Fue el consejo de un zar de la salud lo que me animó a probar la acupuntura, que ahora me encanta y me ayuda a bregar criminal el estrés. Mi único consejo es: experimenta. Pruébalo todo (sin llevarte a ti mismo a la bancarrota) y, después, quédate criminal lo que te funcione. No hagas mucho caso de los no-doctores y sus “estudios” acerca de las toxinas. De hecho, coge cualquier consejo relacionado criminal salud o aptness criminal un grano de sal. Excepto si lo he escrito yo, en cuyo caso es infalible.

Porque el truco para reducir el estrés es dejar de esforzarte tanto por arregarlo todo.

* Este artículo se publicó originalmente en la edición norteamericana de GQ

Te puede interesar

Especial GQ Salud Mental: cómo ser un hombre más feliz

7 formas de piratear tu cerebro para mejorar tu salud mental

Por qué a los hombres nos sigue costando hablar de salud mental

Deberías correr así para marcar abdominales de aquí al verano

Cuánto bronceado es demasiado bronceado

Mi secreto para beber menos

0 12

Jury Schiavi is a digital collagist, make-up artist and drag fan whose work has been authorized by Naomi Campbell and Kim Jones. From a farming city in a north of Italy, Milan-based Jury Schiavi reimagines exemplary paintings, mixing fashion, fetishwear and BDSM. From Dior saddlebags, steel chokers and leather whips, Schiavi’s impertinent aesthetics are all about anticipation and magic, elements that seem via his work in digital, make-up and drag.

LOVE spoke to a triple hazard about Noami Campbell’s soup can, how he was incidentally introduced to BDSM, and a energy and certainty that drag can give.

LOVE: The digital collages that we emanate mix exemplary paintings with fetishwear. How did this multiple initial perceptible itself and how have people reacted to it?

Jury Schiavi: During my artistic studies I’ve always been preoccupied by a prudent work of a exemplary paintings. we motionless to supplement fetishwear and BDSM accessories to them in sequence to write a new story. People reacted unequivocally definitely to this kind of combination. In a brief volume of time we perceived orders for my collages to be printed, so we motionless to open a large conglomeration to sell them, that currently is still working. we consider we need to appreciate my father that incidentally introduced me to BDSM. Don’t worry, no incest in here, we only detected a VHS duplicate of Tokio Decadence by Murakami in one of my dad’s dim boxes. we remember being repelled and preoccupied during a same time.

LOVE: You’ve also worked with incorporating panoply from Alexander McQueen, Gucci and Ludovic de Saint Sernin. Kim Jones even reposted an picture of yours following a Dior Pre-Fall 2019 show. Can we tell us some-more about your multiple of conform and exemplary art?

JS: Fashion indeed came into my artistic routine even before fetishwear. My initial ever digital collage portrayed a Mona Lisa rocking a cyborg-ish armour fit from Thierry Mugler AW95. I’ve always desired designers being means to mix conform and fantasies together.

LOVE: Your favourite exemplary painter is…

JS: William Adolphe Bouguereau, no doubt. we consider his paintings are so meticulously good done. we like his adore for mitology, for a exposed body, a not so pithy sexuality that he communicates.

LOVE: Naomi Campbell reposted an picture of your interpretation of a Campbell’s soup can. If we could select anyone else to reimagine, who would that be?

JS: Yes, she reposted me, and we was blown away. I’ve finished also Brigitte Nilsen apropos Brigitte NELSEN, and Claudia Shiffer apropos Claudia SKIPPER. we would adore to do Pamela Anderson apropos Pamela Andersen, though that’s not that easy to recreate.

LOVE: Aside from a digital collagist, you’re also a make-up artist and drag queen. Do your collages enthuse your work with make-up and drag, or clamp versa?

JS: I consider my digital work helped me to figure my drag persona. From a demeanour to a attitude, it’s always utterly dim and voluptuous or pristine fantasy. we realised, while drawing, that we had a probability of creation my fantasies alive on my possess skin, so here we are.

LOVE: Your tip 3 make-up tips are…

JS: Think outward a box, brave and practice.

LOVE: What recommendation would we give your younger self?

JS: Believe in yourself, in your visions, and don’t get stranded in a thought that we have to fit in any kind of organisation of people or mentality. Drag indeed helped me in that, when I’m not in drag I’m utterly bashful and we doubt myself utterly a lot. When in drag, we feel like we can do anything.

LOVE: What excites we many about a drag world?

JS: You can emanate a ideal impression for yourself. No rules, no gender, no constructs. Just anticipation and magic. we don’t privately report myself as a drag black since we don’t consider that “queen” is an accurate definition; my drag impression is not indispensably a woman, a man, or even a human. That’s because we like to use a countenance ‘Drag Persona’ or ‘Drag Artist’. Drag is all about freedom, let’s play with that.

LOVE: If we weren’t a performer, what would we be doing?

JS: I don’t know actually. we used to be a product administrator in sell ruin for 10 years. Now that we can live only interjection to my art I’m happy, and for now I’m not means to see myself doing something else.

LOVE: Whose face would we adore to use as a vacant board for one of your beauty looks?

JS: Violet Chachki (who is a outrageous impulse for my drag and for my collages as well), Tsunania and Melanie Gaydos. Their facial facilities dazzle me.

0 15

Es ist so eine Sache mit dem Humor auf Twitter. Das disorder jetzt auch Bayer 04 Leverkusen nach einem Seitenhieb auf Robert Lewandowski feststellen. Gewagter Spott shawl das Potenzial zum viralen Hit, der für viel certain Aufmerksamkeit sorgt. Das Ganze kann aber auch blitzschnell nach hinten losgehen. Das Social-Media-Team von Bayer scherzte nach dem Sieg über basement FC Bayern über die Torjäger-Qualitäten von Robert Lewandowski. Dessen Berater Maik Barthel fand das gar nicht lustig – und packte aus. (Lesen Sie auch: Diese Spieler vergeben die meisten Großchancen.)

Bayer verspottet Lewandowski

Das Ganze begann mit Lewandowskis Triumph in der Champions League gegen Roter Stern Belgrad. Der Stürmer schoss sich mit vier Toren binnen 14 Minuten in die Annalen der Königsklasse. Danach twitterte er, geradezu süchtig nach Toren zu sein. “Wir können dabei helfen, das zu heilen”, spottete einige Tage später das Team des englischsprachigen Bayer-Accounts. Anlass fight der 2:1-Sieg über die Bayern. Lewandowski fight in diesem Spiel torlos geblieben, basement Treffer für die Bayern erzielte Thomas Müller. (Lesen Sie auch: Robert Lewandowski: So feiert das Internet seine vier Tore gegen Belgrad.)

Diese Art von Humor fight so gar nicht nach dem Geschmack von Lewandowskis langjährigem Berater Barthel. Der CEO von Eurosportsmanagement ging in die Offensive und unterstellte Bayer ein notorisch schlechtes Urteilsvermögen. Denn angeblich shawl der Club einst Lewandowski dankend abgelehnt.

Wollte Bayer Lewandowski nicht?

Die meisten Kommentare zu Barthels Tweet gingen in die Richtung “heul doch”. Aber was ist faktisch an der Behauptung dran? Bayer-Sportchef Rudi Völler wollte sich laut “Bild” nicht äußern. Auskunftsfreudiger sei der damalige Geschäftsführer des Clubs, Wolfgang Holzhäuser, gewesen. “Lewandowski fight nie ein konkretes Thema bei uns. Dass wir ihm die Bundesligatauglichkeit abgesprochen haben sollen, ist absoluter Unsinn”, sagte er laut “Bild”.

Die Zeitung ergänzte jedoch: “Nach ‘Bild’-Info fight Lewandowski damals tatsächlich einer von sieben polnischen Spielern, die Leverkusen beobachten ließ.” Der Verein habe einen Steckbrief über ihn angelegt – “besonders überzeugend fight der aber anscheinend nicht …”

STAY CONNECTED