Home Life style

0 102

Cryptocurrency — Bitcoin in particular — has taken the world by storm with people far and wide looking to explore and analyze the currency’s true power. A new PC game has been making its way around the web, which, not only targets hardcore puzzle gamers, but those interested in earning a little digital coin. The first person to complete the game will be awarded one bitcoin (approximately $10,000 USD).

MonteCrypto: The Bitcoin Enigma contains a series of 24 “mind-bending” puzzles, which have to be found and solved. Gem Rose Accent, the game’s developers, have even gone as far to say “this game must be amongst the hardest you’ve ever played.” A multiplayer function adds another dimension, as players can link up with others to find clues and solve puzzles. However, with one bitcoin awaiting only one winner, MonteCrypto: The Bitcoin Enigma does stick to an “every man for himself” philosophy, so players should be mindful of who they team up with.

The game is expected to make its debut on February 20 via Steam. In case you missed it, criminals are now using Litecoin instead of Bitcoin.

0 74

You might see fewer ads on the web from now on. But you probably won’t.

On Thursday, Google Chrome, the most popular browser by a wide margin, began rolling out a feature that will block ads on sites that engage in particularly annoying behavior, such as automatically playing sound, or displaying ads that can’t be dismissed until a certain amount of time has passed. Google is essentially blacklisting sites that violate specific guidelines, and then trying to filter all ads that appear on those sites, not just the particularly annoying ones.

Despite the advance hype, the number of sites Chrome will actually block ads on turns out to be quite small. Of the 100,000 most popular sites in North America and Europe, fewer than one percent violate the guidelines Google uses to decide whether to filter ads on a site, a Google spokesperson tells WIRED.

But even if Chrome never blocks ads on a page you visit, Google’s move has already affected the web. The company notified sites in advance that they would be subject to the filtering, and 42 percent made preemptive changes, the spokesperson says, including Forbes, Los Angeles Times, Chicago Tribune, and In Touch Weekly.

It may seem strange that Google, which still makes most of its revenue from advertising, blocks ads at all, especially since the company says it will even block those served by its own ad networks. But Google hopes ridding the web of its very worst ads might discourage Chrome users from installing more aggressive ad-blocking software that saps revenue universally.

A survey published by the industry group Interactive Advertising Bureau in 2016 found that about 26 percent of web users had installed ad-blockers on their computers, and about 15 percent had ad-blockers on their smartphones. Respondents gave a variety of reasons for blocking ads, including privacy concerns, page load times, and visual clutter.

The new Chrome ad-filtering feature doesn’t directly address privacy or page speed. Instead, it focuses only on blocking ads that violate guidelines published by the Coalition for Better Advertising, a group that includes advertising companies, publishers, and tech companies (WIRED’s publisher, Condé Nast, belongs to coalition member Digital Content Next). The group surveyed 25,000 users in North America and Europe to find out what ads they find most annoying, and used the results to craft a set of guidelines called the Better Ads Standards.

The guidelines identify four specific types of desktop ads and eight types of mobile ads that users find unacceptable, including ads that take up too much screen space, play audio automatically, and obscure the content users are trying to view.

Google has been reviewing the most popular sites in North America and the EU for violations of those standards. “We use a combination of manual and automated methods to review sites,” the Google spokesperson tells WIRED. “Every review is captured in video which is surfaced in the Ad Experience Report.”

‘As long as you’re practicing respect for our audience, you’re OK.’

Michael Priem, Modern Impact

The company notifies sites that are in violation of the guidelines before blocking them. Sites have 30 days to resolve the advertising issues Google highlights. If a site doesn’t resolve the issues, Chrome will attempt to filter all ads on those pages. Users will see a brief notification that ads have been blocked on a page. On desktop versions of Chrome, this will look a bit like pop-up blocking notifications, while on mobile it will look more like, well, a pop-up ad.

Chrome joins Apple’s Safari in offering limited ad-blocking features without the need to install third-party apps or plugins. Last year, Apple stepped up a feature of Safari that blocks third-parties from tracking what you do online, and added an option to Safari that allows users to view a stripped down, ad-free “reader view” of webpages by default.

Michael Priem, CEO of the Minneapolis-based advertising firm Modern Impact that works with companies like Samsung and Best Buy, says his clients worry about the impact these changes will have on their ability to reach consumers. But he says companies generally understand that bad advertising practices have a negative impact on their brands. “As long as you’re practicing respect for our audience, you’re OK,” he says.

The big question is how much Google’s moves will actually discourage people from using more aggressive ad-blockers. Yes, it’s already motivated a few sites to make some changes, and others will likely follow. Given that Chrome is used by about 56 percent of web users, according to StatCounter, being filtered could amount to a massive drop in ad revenue for sites that don’t preemptively clean house. But it’s unclear whether disappearing only the most annoying one percent of ads on the web will stop people from installing ad-blockers—let alone win back people who already use them—if other irritating practices continue, and users still worry about privacy and security.

Major web browsers have long blocked ads that open new browser windows. The end of those “pop-up” and “pop-under” ads was a blessing. But it didn’t stop new forms of aggravating ads from proliferating. Getting rid of talking ads and countdowns would be great. Truly cleaning up the advertising ecosystem will take time.

Ad It Up

  • How do you save the ad industry? Believe it or not, block more ads
  • Chrome’s not the only browser mixing it up. Apple made big changes to how Safari handles ads in a recent overhaul
  • Meanwhile, ad blockers continue to get smarter; Ghostery recently enlisted AI in the fight against invasive ad trackers

0 42

Da velivoli sempre più green all’addio ai display passando per i finestrini smart, lo streaming a bordo e gli assistenti robot: come voleremo nei prossimi vent’anni

aereiCome voleremo nel (prossimo) futuro? L’esperienza di viaggio a 10mila metri e oltre sta cambiando in profondità, negli ultimi anni. La metamorfosi è frutto di stili di vita, preferenze commerciali, atteggiamenti e ovviamente tecnologia. Il 2017 è stato d’altronde un anno d’oro per il settore: secondo la Iata, che rappresenta oltre l’80% delle compagnie del mondo, è stato abbattuto il muro dei 4 miliardi di passeggeri (numeri più precisi arriveranno nei prossimi mesi) per utili da 31,4 miliardi di dollari (+7,4% sul 2016 e un esercito di 11 milioni di passeggeri al giorno).

Annus mirabilis anche per la sicurezza: solo 10 incidenti con 44 morti. Il 2017 è stato dunque “il più sicuro di tutti i tempi sia per numero di eventi che di vittime”, come ha spiegato di recente l’Aviation Safety Network commentando i numeri dell’agenzia olandese To70 (che limita le sue analisi ai velivoli passeggeri oltre 5,7 tonnellate). Nel 2016 gli eventi erano stati 16 e avevano provocato 303 vittime.

In questi numeri non rientrano gli apparecchi militari o di Stato ma, appunto, solo il trasporto civile.

Insomma, l’aereo è il mezzo di trasporto più sicuro e tuttavia quello che mantiene – nonostante la lunga stagione dei low cost – una sua sacralità. Ecco perché ogni minima modifica all’esperienza a terra o in volo o agli apparecchi, alle configurazioni o le previsioni per il futuro più lontano sollevano tanto interesse.

Un futuro (non) da fantascienza
Ciò che ci aspetta dietro l’angolo, nonostante i titoli dei giornali e gli affascinanti rendering che ci fanno sognare, non è (purtroppo) roba da fantascienza. L’aviazione del prossimo futuro, diciamo da qui a una ventina d’anni, è destinata a rimanere molto simile a se stessa nelle fattezze. Lo ha confermato il Mit in una serie di ricerche finanziate anche dalla Nasa: “Anche se si guarderà da vicino un aereo del 2035 – ha spiegato Richard Wahls, responsabile del Fundamental Aeronautics Program’s Subsonic Fixed Wing Project della Nasa – sarà difficile trovare la differenza con quelli attuali ma i miglioramenti strutturali, elettronici ed ecologici saranno rivoluzionari”. Si parlerà insomma di efficienza e silenziosità, maggiore capacità di carico e più versatilità in termini di possibilità di atterraggio sulla maggior parte delle piste del mondo.

Materiali e consumi
Per esempio, gli aerei del prossimo fuutro saranno costruiti in Sma (shape memory alloys, leghe a memoria di forma, cioè leghe speciali che mantengono la memoria nella forma e la riacquistano quando vengono sottoposte ad alte temperature), a nanotubi di carbonio e con materiali compositi, sempre in fibra di carbonio, in grado di reagire alle sollecitazioni e ripararsi da soli, almeno in piccola parte. Boeing e Airbus stanno incrementando l’impiego di questi materiali già sui velivoli in costruzione. Ancora, gli apparecchi impatteranno meno sull’ambiente tagliando il 75% di ossidi di azoto e il 70% di carburante in meno.

In questo senso già l’Airbus 320neo, l’aeromobile a corridoio singolo più attento nei consumi di sempre, ha fatto fare passi da gigante al comparto: equipaggiato con motori Pratt Whitney PurePower Geared Turbofan è in grado di ridurre i consumi di carburante del 15% rispetto ai livelli attuali e un ulteriore 5% potrebbe aggiungersi entro il 2020. Non solo: è anche il più silenzioso di sempre. Non a caso Airbus punta per quest’anno al target di 800 consegne di aeromobili soprattutto grazie all’incremento della produzione dell’A320Neo nel segmento a medio raggio. Il costoso A380, invece, rischierebbe l’estinzione.

E-plane e ibrido
C’è poi tutto il tema degli e-plane, gli aerei elettrici su cui perfino easyJet ha aperto una collaborazione lo scorso anno con la startup Usa Wright Electric per le tratte inferiori ai 500 km. Il sogno è volare a batterie entro una decina d’anni.

Intanto, per recuperare concretezza, c’è un altro bel progetto che mette insieme Airbus, Rolls-Royce e Siemens dedicato allo sviluppo di un aeromobile ibrido: non gli mancheranno i turbofan ma potranno essere aiutati da elettroventole alimentate da generatori costituiti da turbine a gas, come fossero Apu, Auxiliary Power Unit già presenti sugli aerei per i servizi di bordo e la messa in moto. Un concetto in qualche modo ripreso dalle navi dove, da decenni, le eliche sono mosse da motori elettrici alimentati da generatori diesel e poi nucleari. Il progetto utilizzerà in una prima fase un “jumbolino”, cioè un BAe 146/J anche noto come Avro RJ, appositamente modificato. E-Fan X decollerà nel 2020.

L’esperienza di volo fra lusso e basic economy
Passando all’interno degli aerei, chiunque può già annusare l’aria che tira. Sia sotto il profilo della configurazione degli spazi che dei servizi riservati ai passeggeri. L’esperienza di viaggio appare protagonista di una forchetta che va sempre più allargandosi. Da una parte il comfort extralusso tipo quello delle cabine Emirates Airlines con schermi da 32 pollici, temperatura autonoma e finestrini virtuali (per le file centrali) disponibili già da dicembre sui Boeing 777 della compagnia. Dall’altra l’espansione delle tariffe basic economy, che molti hanno ribattezzato terza classe: in modi e con formule diverse molte compagnie, su tutte le statunitensi, stanno lanciando o allargando proposte a prezzi bassissimi ma che non prevedono il trolley e obbligano all’imbarco per ultimi. Ogni altro servizio va pagato.

Ryanair, dal canto suo, è arrivata a obbligare il carico del bagaglio a mano (gratuito) in stiva per velocizzare le operazioni di imbarco. United Airlines, per esempio, ha appena annunciato che allargherà questo genere di offerte a molti altri voli dopo i primi mesi di sperimentazione. Per molte compagnie costituiscono un modo per combattere con le low-cost offrendo, magari, orari migliori e aeroporti di partenza più comodi in cambio di una trasferta davvero ridotta all’osso.

Peccato che la comodità ne risentirà. Così come la sicurezza: la guerra per la configurazione degli interni è ormai sui centimetri. La larghezza media dei sedili era di 47 centimetri 10 anni fa e si è ora ridotta a 43 mentre la distanza tra uno schienale e l’altro ha toccato il record con i 71 centimetri della compagnia low cost Spirit Airlines. Ma la tendenza non sembra fermarsi e molte compagnie hanno installato poltrone prive della possibilità di reclinare lo schienale.

La situazione del wi-fi a bordo
In termini di tecnologie in volo, invece, se il wi-fi è ormai una realtà – anche se molto poco in Europa – rimane ovviamente la differenziazione sugli apparecchi equipaggiati e sulle tariffe richieste. I prezzi variano infatti dalla gratuità di Norwegian, pioniera del settore, o Emirates (fino a 20 MB) agli 8,50 euro l’ora di Turkish fino all’ 1,70 euro di Alitalia per 10 Mega passando per i 14 dollari per 4 ore di American Airlines (ma c’è anche un piano domestico da 50 dollari l’anno). Secondo i numeri diffusi da Sita Onair, il 37% delle compagnie aeree nel 2016 ha operato con aerei connessi e si prevede che il dato raggiunga il 66% entro il 2019. In generale, entro il 2025 più del 50% dei velivoli commerciali sarà connesso.

Fra l’altro, oltre che per l’intrattenimento il wi-fi in volo serve anche al monitoraggio della sicurezza, la manutenzione degli aerei e il miglioramento per le attività dell’equipaggio di cabina (tablet per gli equipaggi, pagamenti con carta di credito ecc.). Oltre ad aprire una serie di servizi che cambieranno volto all’esperienza di volo che prevedono anche realtà virtuale per i passeggeri (ce l’ha in programma il 29% delle compagnie) e uso delle tecnologie indossabili (35%).

Insomma, una situazione molto fluida. Non tutte le compagnie offrono la connessione su tutti i loro velivoli: in Europa, per esempio, le low cost non ne dispongono e internet in volo – nonostante le rosee previsioni della supercooperativa internazionale – rimane per lo più riservato al medio-lungo raggio.

I sistemi di intrattenimento (senza display)
Wi-fi o meno, i sistemi di intrattenimento stanno cambiando in profondità. Se qualcuno prevede già la scomparsa dei display sui poggiatesta e il trasferimento dell’intera offerta su portali dedicati a cui collegarsi gratuitamente (di recente abbiamo avuto modo di provare, per esempio, quello di Iberia Express) con i propri dispositivi grazie a un server installato sull’aereo o ai collegamenti satellitari, c’è da scommettere che sul lungo raggio non se ne potrà fare a meno. “Per le compagnie aeree sono facili da installare e non ci sono cavi né problemi di peso – ha spiegato Jason Rabinowitz, direttore della ricerca sulle compagnie aeree di Routehappy – in pratica questi sistemi si possono installare da un giorno all’altro e i costi di manutenzione sono di fatto nulli”. Non a caso, sempre secondo Sita, il 21% delle compagnie aeree nel 2016 ha pianificato di offrire servizi per dispositivi mobili durante il volo: la cifra dovrebbe salire al 60% entro il 2019.

Lo streaming in volo
Netflix, per esempio, intende salire a bordo – un test era stato fatto un paio di anni fa con Virgin Atlantic, Virgin Australia e Qantas – concedendo ai vettori che ne facciano richiesta la sua tecnologia di streaming a basso consumo di banda. E i suoi contenuti, almeno in parte. Dunque da quest’anno potrebbe essere possibile salire a bordo di un aereo e ritrovarsi, nell’in-flight entertainment system l’accesso alla piattaforma di Reed Hastings con cui magari finire la stagione di Narcos lasciata in sospeso. D’altronde, tornando ai display, negli Stati Uniti solo due compagnie hanno ancora gli schermi montati su tutti gli apparecchi, sono JetBlue e Virgin America. Le altre stanno diversificando e alcune sono state, pure in questo caso, pionieristiche come la Southwest che no ha mai comprato una poltrona con schermo incorporato.

Finestrini e maggiordomi al posto di steward e hostess
Magari di pannelli hi-tech, per esempio Oled, ce ne saranno ancora ma serviranno ad aggiornare i finestrini, trasformandoli in schermi (per Airbus giganteschi) che ci passano informazioni, per esempio sui luoghi che stiamo sorvolando, ripresi da videocamere esterne, con indicazioni precise, e si scuriscono o illuminano con un pulsante pensionando gli sportelli di plastica. Una robotizzazione che potrebbe toccare anche hostess e steward, sostituiti da carrelli automatizzati – come quello proposto da Altran – maggiordomi in grado di dispensare pasti, bevande e gadget ai passeggeri, recuperando i rifiuti verso la fine del volo.

Leggi anche

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

0 36

adidas’s UltraBOOST 4.0 model has seen its fair share of releases just this year alone – having already dropped in various colorway reworks, including “Oreo,” “Blue Heel” and a maroon/orange version. A new “Core White” rendition has since surfaced — adding another clean runner to the ever-growing lineup.

The Three Stripes’s signature Primeknit construction swarms much of the upper, while a matching-hued heel counter and branded lacing cage forms the remainder of the base. The BOOST sole unit along with the black Continental rubber outsole rounds out the new design. Set to a price of €180 EUR (approximately $223 USD), you can find this adidas UltraBOOST 4.0 model at such retailers as Afew.

In case you missed it, images of a new NEIGHBORHOOD x adidas Originals NMD R1 “Triple Black” model appears.

0 62
(L'assessore a Roma Semplice di Roma Capitale Flavia Marzano e Yoshioka Hiroshi, presidente di Konica Minolta business solution Italia inaugurano il Centro AI di Roma / Foto: Konika Minolta)
(L’assessore a Roma Semplice di Roma Capitale Flavia Marzano e Yoshioka Hiroshi, presidente di Konica Minolta business solution Italia inaugurano il Centro AI di Roma / Foto: Konika Minolta)

Studiare le tecnologie digitali del futuro. È questo l’obiettivo del primo centro di ricerca specializzato in intelligenza artificiale inaugurato a Roma (zona Eur) dalla multinazionale giapponese Konica Minolta. Qua si svilupperanno soluzioni ultra-moderne per i luoghi di lavoro digitali, dai sensori ai sistemi robotici che verranno utilizzati nell’industria e nell’ambito dell’assistenza sanitaria digitale, fino alla cybersecurity.

Quella di Roma è la prima struttura di questo tipo aperta dalla multinazionale giapponese nel nostro paese. Farà parte di un network che comprende già tre centri di ricerca in Europa (Londra, Brno e Monaco di Baviera) e due negli Stati Uniti. L’investimento totale è di 5 milioni di euro. E Konica Minolta prevede anche l’assunzione, nei prossimi mesi, di circa 100 figure specializzate in diversi ambiti di ricerca.

(Foto: Konika Minolta)
(Foto: Konika Minolta)

“Abbiamo scelto Roma perché crediamo nella capacità di questa città di attrarre talenti e perché pensiamo ci siano ottime possibilità di crescita grazie alla presenza di importanti istituzioni universitarie con le quali sarà possibile avviare forme di collaborazione”, ha spiegato Yoshioka Hiroshi, presidente di Konica Minolta Business Solution Italia.

La Konica Minolta – leader nei settori della stampa, dei sistemi diagnostici e dei sensori industriali – pianifica una permanenza a lungo termine nella capitale, con un’operazione economica che sembra destinata a crescere nei prossimi anni. Del resto la leadership conquistata dall’azienda nella tecnologia dell’immagine è alimentata ogni anno da investimenti in ricerca e sviluppo che superano l’8% del fatturato.

Leggi anche

Per la sola filiale italiana ammonta a oltre 60 milioni di euro.

Tra le soluzioni annunciate dal gruppo, che verranno sviluppate all’interno della cittadella romana dell’intelligenza artificiale, c’è l’IoT Sensor for Business Process. È un piccolo sensore Iot attraverso cui geolocalizzare le componenti esistenti all’interno degli edifici, tramite l’automazione del flusso di lavoro e la comunicazione wireless LoRaWan. Alladin 1.0 è invece una sorta di assistente digitale che indicizza ogni attività attraverso linguaggi naturali, intelligenza artificiale e tecnologie semantiche.

Nel laboratorio poi, sono già disponibili cinque Demo Station che mostrano le più recenti tecnologie sul versante del lavoro digitale, dell’informazione e automazione dei sensori, dell’assistenza sanitaria digitale e dei sistemi smart data in via di sviluppo in Europa e nel mondo.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

0 41

In this op-ed during Teen Dating Violence Awareness Month, Rory Gory, safe messaging expert at the Trevor Project, explains why education about dating violence is so important.

The watershed #MeToo movement has ousted serial predators who had been untouchable for decades. The general public has been reeling as story after story reveals egregious allegations of abuses of power, but for many survivors, nothing about these allegations are shocking. The only surprise is that suddenly, sexual assault allegations are being taken seriously and are even bringing about consequences for abusers.

We do not go from healthy personal and professional relationships to serial sexual violations in just one step. In a heartbreaking interview with Maureen Dowd for The New York Times, Uma Thurman stated, “Personally, it has taken me 47 years to stop calling people who are mean to you ‘in love’ with you. It took a long time because I think that as little girls we are conditioned to believe that cruelty and love somehow have a connection.” Sexual abuse begins by normalizing abusive behavior, at home and in the workplace, when young people begin to date.

According to LoveIsRespect.org, a project of the National Domestic Violence Hotline, nearly 1.5 million high school students nationwide experience physical abuse from a dating partner in a single year. They also report that violent behavior typically begins between the ages of 12 and 18, but only 33% of teens who were in a violent relationship ever told anyone about the abuse. Violent relationships in adolescence put the victims at higher risk for substance abuse, eating disorders, risky sexual behavior and further domestic violence, and a staggering 50% of youth who have been victims of both dating violence and rape attempt suicide.

For LGBTQ youth, the numbers are even more severe. According to a report from the Urban Institute, 43% of LGBT youth reported being victims of physical dating violence, compared to just 29% of heterosexual youth. Worse, it can be hard for LGBTQ to find competent care, as many shelters are gendered, making it difficult for same-sex or transgender victims and abusers to access resources. If you are an LGBTQ young person in crisis, immediate help is available through The Trevor Project’s lifeline.

February is Teen Dating Violence Awareness Month. Reach out to Break the Cycle, an organization that helps young people ages 12 to 24, and check out their actionable steps that you can take to end dating abuse right now. Just like access to sex education is key to enabling safer sex for young people, talking about dating violence is necessary to building healthy relationships.

There are many forms of dating violence, and not all are physical. If you’re unsure whether or not you’re experiencing dating violence, you can use LoveIsRespect’s Power and Control Wheel, a tool that helps explain the different ways an abusive partner can use power and control to manipulate a relationship. If you need support, you can use this Interactive Guide to Safety Planning to help lower your risk of being hurt by your partner or reach out to chat with a counselor directly. No matter what, you are not alone.

Related: How to Seek Help If You’re in an Abusive Relationship

0 46

When you scroll through your camera roll, how many of your photos are actually just screenshots of other people’s Instagram stories? You know, a recipe, a cute outfit, a beauty recommendation, a piece of gossip you need to text to a friend—all this important information is only available on someone’s story for 24 hours, and it’s essential to screenshot for later use.

Well now, according to TechCrunch, Instagram is rolling out a test that will allow some users to see when people do just that. Those included in the test will get a warning that the next time they screenshot a story, the person who posted the story will be notified:

Someone can see the alert by viewing the list of people who watched their story. Those who took a screenshot of their photo would appear with a tiny shutter logo next to their name:

TechCrunch reports that Instagram provided a statement acknowledging the test. It said, “We are always testing ways to improve the experience on Instagram and make it easier to share any moment with the people who matter to you.”

For now, it’s unclear whether this feature will become available to all users, though Instagram will probably be watching to see if the alerts impact engagement.

So please, screenshot with care.

0 77
(foto: Getty Image)
(foto: Getty Image)

Secondo uno studio pubblicato dall’Osservatorio Startupper’s Voice, oltre il 40% delle startup italiane avrebbe avviato ricerche per professionisti digitali ma senza risultati soddisfacenti. Solamente il 15% degli intervistati infatti, ha dichiarato di aver individuato le competenze ricercate nei candidati selezionati. Parliamo di ingegneri hardware e software, ma anche analisti digitali e digital marketing manager.

È davvero così difficile trovare professionisti digitali? “Il mondo del lavoro sta cambiando sempre più velocemente, tanto che non solo i giovani ma anche le persone già formate devono continuamente studiare ed aggiornarsi”, spiega Claudio Biestro, direttore personale e organizzazione Engineering. Società  italiana specializzata nella trasformazione digitale, l’azienda da 10mila dipendenti e oltre 50 sedi in tutto il mondo sembra aver accolto la sfida, aprendo il 2018 con un’imponente ricerca di personale, che vede interessate 500 figure da inserire in tutte le sedi del gruppo.

“La scuola italiana purtroppo fatica ad adeguare i propri cicli alle esigenze del mondo del lavoro e lo skill shortage di alcuni profili frena il potenziale di sviluppo delle aziende hi-tech italiane e quindi lo sviluppo del paese”, continua Biestro.

(foto: Getty Image)
(foto: Getty Image)

Anche per questo nel 2017 l’Academy di Engineering, nel campus di Ferentino e attraverso l’e-learning, ha erogato oltre 120mila ore di formazione. E adesso, le figure ricercate sono 200 con esperienza e 300 neolaureati e neodiplomati in discipline tecnico-scientifiche.

Leggi anche

“Delle cinquecento figure ricercate, circa 200 saranno inquadrate con contratto a tempo indeterminato, con inquadramento in linea con il livello professionale (Ccnl metalmeccanico, ndr) e il rimanente con contratti di apprendistato e di stage, ma con l’obiettivo di essere poi inserite per un lungo periodo”, racconta Biestro. Tra i ruoli da ricoprire figurano data analyst, data scientist, cloud architect e cyber security consultant. Aggiunge il direttore del personale: “Storicamente nella nostra azienda il 100% dei contratti di apprendistato è stato trasformato in tempo indeterminato”.

Saranno questi i lavori del futuro? “Interpretare il futuro del lavoro non è semplice”, spiega lo stesso Biestro. E aggiunge: “Si stima che il 65% dei bambini che oggi frequentano la scuola elementare da grande farà un lavoro di cui non si ha ora evidenza e questo può rappresentare un’opportunità anche a livello di mobilità sociale”.

La trasformazione digitale, insomma, impone un continuo aggiornamento delle competenze e delle figure lavorative. Le posizioni aperte sono per tutte le sedi italiane del gruppo, ma anche per alcuni sedi estere in Belgio, Spagna, Germania, Brasile, Argentina e Stati Uniti. Con una certezza, assicura Biestro: “Le figure professionali legate alla analisi dei dati, all’intelligenza artificiale, saranno certamente quelle che nei prossimi dieci anni non soffriranno la mancanza di offerta di lavoro, in qualsiasi ambito e settore”.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

STAY CONNECTED