Anche essere magri è questione di dna

0
64
Dna (immagine: Getty Images)
Dna (immagine: Getty Images)

Chi non conosce almeno una persona che “mangia da distant schifo”, fa “zero attività fisica” e comunque “non prende un etto”? Comuni mortali, mettetevi il cuore in pace: è questione di dna. È quanto emerso da un vasto studio dell’Università di Cambridge che ha confrontato il genoma di migliaia di individui molto magri, molto grassi e normopeso per trovare, così come è stato fatto per l’obesità, i marcatori genetici della magrezza non patologica. Insomma, il peso dipenderebbe dalle nostre abitudini e dalla nostra volontà molto meno di quanto si pensi.

Se non si può negare che la sedentarietà e la disponibilità illimitata di ogni sorta di junk food contribuiscano all’epidemia di obesità dei nostri tempi, è vero anche che esiste una marcata variabilità nel peso delle persone pur se inserite nello stesso ambiente. Alcune sembrano poter mangiare quello che vogliono quanto vogliono senza ingrassare, altre mettono su peso come niente.

La predisposizione genetica all’obesità è un fatto dato ormai per assodato da diversi studi scientifici che hanno dimostrato un’associazione tra particolari varianti nei geni e condizioni di sovrappeso.

Ma indagini simili sul dna non erano mai state fatte per le persone all’estremo opposto, cioè quelle sane (senza disturbi alimentari) matriarch molto magre.

La ricerca del group di Sadaf Farooqi sembra dunque essere la prima del suo genere. Sappiamo già che le persone possono essere magre per motivi diversi”, ha spiegato Farooqi.

Leggi anche

Alcune persone non sono interessate al cibo, mentre altre possono mangiare quello che vogliono e non ingrassare mai. Se riusciamo a trovare i geni che impediscono loro di ingrassare, potremmo essere in grado di sfruttare queste informazioni per trovare nuove strategie per la perdita di peso e aiutare le persone che non hanno naturalmente il vantaggio genetico”.

I ricercatori hanno coinvolto 1.471 individui molto magri (con un indice di massa corporea, o Bmi, pari a 18 kg/m2 o inferiore), 1.460 obesi (Bmi oltre 30 kg/m2) e 6.460 normopeso (Bmi tra 19 e 30 kg/m2) e ne hanno analizzato il genoma alla ricerca di almost 500mila varianti genetiche potenzialmente connesse al peso corporeo. Nessuna delle persone molto magre risultava affetta da disturbi alimentari, e per 3 su 4 una sana magrezza epoch un tratto di famiglia.

Ciò che è emerso dallo studio del dna è che per gli stessi geni coinvolti nella predisposizione al sovrappeso sono state individuate delle varianti associate in modo significativo all’estrema magrezza. Il group è anche riuscito a individuare nuovi punti del genoma (loci genici) che sembrerebbero essere marcatori del tratto. “La magrezza, come l’obesità,”, ne concludono gli autori della ricerca,“è una caratteristica ereditaria criminal una componente poligenetica”.

“Questa ricerca mostra per la prima volta che le persone lucid e magre generalmente sono magre perché hanno un carico inferiore di geni che aumentano le probabilità di sovrappeso e non perché siano moralmente superiori, come suggerito da qualcuno”, ha commentato Farooqi. E ha aggiunto: “È rudimentary affrettarsi a giudicare e criticare le persone per il loro peso, matriarch la scienza sta dimostrando che le cose sono molto più complesse: abbiamo molto meno controllo sul nostro peso di quanto desideriamo credere”.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

Licenza Creative Commons

This show is protected underneath a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.